Bonifiche Ambientali

INTEDIL srl, iscritta all’Albo Nazionale Gestori Ambientali per la Categoria 10b (bonifica di manufatti contenenti amianto di matrice compatta e friabile), conduce interventi di bonifica di Manufatti nel rispetto della normativa nazionale e dei regolamenti regionali (Testo Unico Sicurezza D.Lgs.81/08 e disposti collegati).

Grazie al personale, che nel corso degli anni ha sviluppato esperienza e competenza nel settore, e all’impego di sofisticate apparecchiature, siamo in grado di soddisfare qualsiasi esigenza connessa a bonifiche di terreni e molteplici strutture contaminati da:

  • Amianto
  • Fibre artificiali vetrose (FAV) - lana minerale e fibra ceramica
  • Altre passività ambientali.

INTEDIL srl, svolgendo attività di consulenza è in grado di condurre Audit Ambientali per l’individuazione e la stima delle passività ambientali, sulla base della quale fornire ai committenti tutti gli elementi necessari a supportare protocolli di manutenzione e progetti di riconversione di aree immobiliari. Iniziando dalla consulenza, per l’individuazione e stima delle passività fino alla consegna chiavi in mano, il nostro lavoro si svolge nelle seguenti fasi:

  • Fase preliminare: prelievi di campioni di materiali e indagini ambientali e geotecniche del suolo
  • Due diligence: per valutare la convenienza economica dell’intervento e individuare i potenziali rischi
  • Audit ambientale: per stimare le passività ambientali e verificare la conformità dell’attività agli standard normativi vigenti
  • Progettazione: per la pianificazione del lavoro, la selezione della manodopera specializzata e delle apparecchiature specifiche
  • Fase operativa: per la rimozione, il trasporto e lo smaltimento di amianto e FAV
  • Laboratorio: per l’analisi e la caratterizzazione di qualsiasi materiale e rifiuto
  • Rilascio certificati di avvenuto smaltimento

Ciò che ci contraddistingue dai ns competitors è l’affidabilità e la correttezza che caratterizza ogni nostra attività. La qualità è garantita dall’impiego di soluzioni e prodotti all’avanguardia e dalla cura dei dettagli, che permettono di ottenere opere sicure e funzionali nel rispetto della normativa vigente.

Normativa di Riferimento in Ambito Gestione M.C.A. e F.A.V.

Attuazione delle Direttive CEE

  • D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 114 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento dell'ambiente causato dall'amianto.
  • D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell’articolo 1 della Legge 3 agosto 2007 n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
  • Regolamento CEE n.1272/2008 del 16/12/08 - relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele che modifica e abroga le direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e che reca modifica al regolamento (CE) n. 1907/2008

Le Leggi Fondamentali dell’Amianto

  • Legge 27 marzo 1992, n. 257 Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto.
  • D.M. Sanità 6 settembre 1994 Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'art. 6, comma 3, dell'art. 12, comma 2, della Legge 27 marzo 1992, n. 257, relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto.
  • Circolare Ministero Sanità 12 aprile 1995, n. 7 Circolare esplicativa del D.M. 6 settembre 1994.
  • D.M. Sanità 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di bonifica, ivi compresi quelli per rendere innocuo l'amianto, previsti dall'art. 5, comma 1, lett. f, della Legge 27 marzo 1992, n. 257, recante: Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto.
  • D.M. Sanità 20 agosto 1999 Ampliamento delle normative e delle metodologie tecniche per gli interventi di bonifica, ivi compresi quelli per rendere innocuo l’amianto, previsti dall’art. 5, comma 1, lettera f), della Legge 27 marzo 1992, n. 257, recante norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto.

La Legge Fondamentale in materia di FAV

  • Nota della Presidenza del Consiglio del 25/03/15 con cui si recepiscono, si approvano e si adottano le Linee Guida - Fibre Artificiali Vetrose - per l’applicazione della normativa inerente ai rischi di esposizione e le misure di prevenzione per la tutela della salute.

Elenco dei principali riferimenti normativi della Regione Lombardia

  • D.G.R. 22 dicembre 2005, n. 8/1526 Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL).
  • D.D.G. Sanità 16 maggio 2007, n. 4972 Istituzione del registro dei lavoratori esposti ed ex esposti all'amianto e adozione del protocollo operativo per la loro sorveglianza sanitaria, presso le ASL, previsti dalla D.G.R. VIII/1526 del 22 dicembre 2005.
  • D.D.G. Sanità 18 novembre 2008, n. 13237 Approvazione del "Protocollo per la valutazione dello stato di conservazione delle coperture in cemento amianto" e contestuale abrogazione dell'algoritmo per la valutazione delle coperture esterne in cemento amianto di cui alla D.G.R. 4 ottobre 2000, n. 7/1439.
  • D.D.G. Sanità 22 dicembre 2010, n. 13541 Approvazione delle Linee Guida per la bonifica di manufatti in posa contenenti fibre artificiali vetrose

Visita la nostra Gallery per vedere le nostre realizzazioni!